13/09/2018

I Bacari di Venezia: Il vero Gusto dell’Aperitivo Veneziano

Ahh l’Italia, culla della gastronomia locale. Tutto il mondo lo sa, noi italiani riusciamo a fare del cibo un’arte, pur mantenendo viva la tradizione; quando si tratta di sedersi a tavola ci godiamo davvero il momento, perché per noi una cena o un aperitivo in compagnia sono un irrinunciabile rituale.
Come a Venezia, quando si va per Bacari! Oggi ti portiamo alla scoperta di questa tradizione locale!

Basta cambiare Regione, anzi, città per trovare una tradizione culinaria del tutto differente. In questo post vogliamo parlarti dei migliori Bacari: Venezia è la città giusta per unire l’arte al buon gusto.

Vocabolario utile per andar per Bacari a Venezia

Cosa sono i Bacari veneziani?

bacari-a-venezia1

Fonte foto evenice.it

Bàcaro (bacaréto): la tipica osteria veneziana tradizionale dove è possibile trovare una vasta scelta di vini in calice e spuntini ad un prezzo economico rispetto ai soliti bar.
Il nome pare derivi da “Bacco”, dio del vino o da “far bàcara”, espressione veneziana utilizzata per esprimere il fare festa.

Cicheti(cichéti): i prodotti tipici venduti nei Bacari, da ciccus, ovvero “piccola quantità”. Non sono altro che piccole porzioni di cibo offerte insieme al vino, di estrema varietà come uova sode, sarde in Saor, la trippa, il baccalà fritto, le acciughette e i “folpetti”.
Ombra di vino (Ombra de vin): letteralmente un’ombra di vino, espressione che deriva dal fatto che in passato i venditori si appostavano all’ombra del Campanile di San Marco per tenere il vino al fresco.

bacari venezia

Fonte foto evenice.it

I migliori Bacari di Venezia

Ora che ci siamo “istruiti” per bene, siamo tutti pronti ad andar per bacari, proprio come fanno i veri veneziani.
Per questo, dovremo esser bravi ad evitare i luoghi turistici, scegliendo quelli che sono rimasti più genuini.
Vediamoli insieme!

GISLON

A pochi passi dal Ponte di Rialto, oltre ad essere un bacaro, è una delle rosticcerie rito dei veneziani da decenni. Prezzi bassi, piatti da leccarsi i baffi. Da decidere se fermarsi a mangiare, o portare via il cibo per gustarlo altrove.
Calle della Bissa – San Marco 5424

DA FIORE

Campo santo Stefano, a due passi dalla famosissima Piazza San Marco.

Attenzione ai due accessi, non entrate al ristorante ma nel locale più informale.
Da Fiore, ha un forte legame con le ricorrenze locali cittadine: ad esempio, il 21 novembre, in occasione della Festa della Madonna della Salute, propone la castradina (zuppa di carne di montone e verze), il bisato (anguilla) per le Feste Natalizie e così via.
Calle delle Botteghe, San Marco 3461
Venice to Croatia Ferry

ALL’ARCO

Sempre in zona Rialto, qui l’attenzione è dedicata ai cicheti di pesce (es. alici marinate). Un consiglio: se il tempo lo permette, cercate di occupare i tavolini esterni per avere più spazio e possibilità di posare il bicchiere.
Calle dell’Occhialer – San Polo 436

ALLA CIURMA

Un bacaro molto tradizionale che troverete nella zona più battuta della città.
Locale minuscolo, pochissimi tavoli e bancone di fortuna. Ma ne vale la pena per le polpette di carne, i fiori di zucca, il pesce spada affumicato e le cipolle rosse.
Buona la scelta dei vini che strizza l’occhio al territorio veronese.
Calle Galeazza, San Polo 406

CANTINONE GIA’ SCHIAVI

A detta di molti, il bacaro migliore di Venezia dal 1944.
Per competenza, per l’ampia scelta di vini, e per la cura dei cicheti che hanno vinto molti premi. Buoni e belli da vedere, il locale si trova in una posizione ideale; in una zona non troppo di punta.
Rapporto qualità prezzo imbattibile!
Fondamenta Nani, Dorsoduro 992
Ora che conoscete i migliori bacari, Venezia culinaria non sarà più un segreto per voi!

 

home Page Blog

Articoli Correlati

30/07/2018

Giudecca, Venezia: 5 cose da vedere

25/07/2018

Cosa Vedere a Torcello: La più Remota delle Isole della Laguna

05/07/2018

Museo Casanova a Venezia: scopriamolo insieme!